ARCHIVIO

Semitica, la lingua degli arabi e degli ebrei


Risalire all'origine del "semitismo" è oggi quasi impossibile. Non ci sono testi scritti che ci permettono di risalire a suoi albori. Sicuro è che i Semiti non costituirono mai una razza secondo il moderno uso della parola. Infatti, le più antiche raffigurazioni mostrano i semiti di diversa origine razziale.

Tuttavia le ricerche storiche hanno provato che costituivano un gruppo etnico che faceva uso di una medesima lingua da cui sono poi derivate le diverse lingue semitiche. Neppure vi è certezza sulla loro localizzazione originaria. Si parla della Arabia, Siria, Mesopotamia e persino Armenia e Africa settentrionale.

Nessuna delle antiche civiltà del Medio Oriente si è invece espressa con lingue semitiche. Solo nelle ultime migliaia di anni si può parlare di lingua semitica nella Mezza Luna fertile. Delle diverse lingue semitiche parlate e scritte nel corso dei millenni pochissime hanno attualmente diffusione e, tra queste, solo l'ebraico e l'arabo sono oggetto di attenzione anche al di fuori dei paesi dove sono parlate.

Oggi come nell'antichità, le lingue semitiche sono diffuse in Asia sud-occidentale e nell'Africa settentrionale. L'ebraico è parlato come lingua madre solo nella Repubblica d'Israele, ma è studiato in tutto il mondo come lingua religiosa e di cultura. L'arabo è la lingua madre nelle cosiddette terre arabe, dalla Turchia all'Iran, dall'Irak al Marocco; inoltre lo parlano anche le minoranze dei territori limitrofi sia in Africa che in Marocco. E' la lingua della preghiera e della legge, delle scritture e dei classici per tutti i musulmani non arabi in tutto il mondo.

"Semitico", dicono gli studiosi è una classificazione linguistica e culturale ma spesso, anche andando molto indietro nel tempo, si è adoperato erroneamente lo stesso termine con riferimento alla razza basandosi sulla " teoria dei tre figli di Noè".

A proposito di questa idea, la Bibbia ci narra che tutti gli esseri della terra morirono annegati escluso Noè e i suoi tre figli: Shem (Sem tradotto in latino e greco), Cam e Jafet. Dai tre figli di Noè sarebbe discesa l'attuale popolazione terrestre. E precisamente Sem sarebbe l'antenato degli ebrei e dei loro consanguinei, Cam il padre dei popoli di pelle nera dell'Africa, e Jafet quello dei medi, persiani e degli altri popoli che sarebbero passati alla storia come ariani.

Una teoria improbabile, smentita dalle ricerche storiche, linguistiche e archeologiche ma che ha ugualmente dato adito e materia di spunto al razzismo quel fiore del male che, sbocciato nell'800, ha fatto le sue vittime nel '900. Si pensi all'antisemitismo di Hitler e compagni.